Alimentazione

L’ACQUA DEL RUBINETTO – UNA RISORSA INDISPENSABILE

bicchiere-di-acqua-
Bicchiere d’acqua depurata

Abbiamo tutti, in casa, una fonte d’acqua potabile a basso costo: il rubinetto.

Bisogna riconoscere che “l’acqua potabile del rubinetto” ha i suoi vantaggi:

* Risparmio: il prezzo dell’acqua potabile che esce dal rubinetto, è sicuramente molto inferiore a quello dell’acqua in bottiglia e questo la rende molto conveniente (mille litri d’acqua del rubinetto costano mediamente circa 1,00€.);
* Ha un impatto ambientale quasi nullo visto che generalmente i contenitori usati in casa per contenere l’acqua del rubinetto si riciclano;
* Contribuisce a un minor inquinamento non essendo trasportata su strada con mezzi inquinanti fino a casa nostra;
* Comodità, si evita il continuo e pesante trasporto e lo stoccaggio di bottiglie di acqua;
* Generalmente è sempre disponibile.

DALL’ACQUEDOTTO AL RUBINETTO.

L’acqua dell’acquedotto, soggetta a controlli continui, di solito rispetta i parametri di qualità imposti dalla normativa vigente. Proprio per i severi controlli a cui viene sottoposta può essere dichiarata potabile, almeno dal punto di vista normativo, deve essere priva di odore e di colore.

Tuttavia non molti sembrano contenti di questa soluzione: a volte per il gusto decisamente sgradevole, a causa del cloro [ipoclorito di sodio] che deve essere aggiunto per legge, o altre sostanze disinfettanti, altre volte a causa del calcare, sabbia, ruggine o altri residui di vario genere rilasciati da interventi di manutenzione o riparazione fatti alle tubature della rete idrica o da semplici infiltrazioni.

La qualità dell’acqua del rubinetto, che usiamo per cucinare e per bere, può essere fortemente condizionata dallo stato delle tubature sia all’interno che all’esterno della nostra casa.

Ed è anche vero il fatto che l’acqua erogata dagli acquedotti può essere molto diversa a seconda delle zone, anche nella stessa città.

Sempre più spesso per la mancanza di fiducia nei confronti dei controlli eseguiti, buona parte degli italiani preferisce la soluzione delle acque minerali in bottiglia, negli ultimi anni affiancate dal fenomeno delle caraffe filtranti.

Ad aggravare la situazione c’è il fatto che la rete idrica italiana non è in buona salute, e le perdite, come le infiltrazioni, non sono affatto improbabili. Da una recente indagine, sembrerebbe che a livello nazionale si sviluppi una perdita del 33% circa dell’acqua incanalata nelle tubature dei vari acquedotti (cit.).

Considerando tutte queste questioni correlate e ricordando anche che i microbi si moltiplicano rapidamente negli alimenti, diventa fondamentale lavare sempre frutta e verdura con acqua pura e ben pulita per non contaminare ciò che poi mangeremo.

Si deve anche ricordare che l’acqua che beviamo è direttamente responsabile delle reazioni biochimiche del metabolismo umano, e diventa così indispensabile bere acqua pulita per garantire un buon funzionamento di tutte le funzioni disintossicanti del proprio fisico. L’acqua fa bene, purifica, disintossica ed è l’unico liquido al quale non si può rinunciare.

ALCUNI CONSIGLI SULL’ACQUA.

Riconoscendo l’importanza di questo elemento fondamentale per la nostra vita, potremmo prestare attenzione a non sprecarla con dei semplici accorgimenti:

– Evitiamo di lasciare l’acqua aperta mentre ci laviamo i denti;
– Proviamo a chiudere l’acqua della doccia mentre ci insaponiamo;
– Ricordiamoci di fare lavatrici e lavastoviglie a pieno carico;
– Ripariamo velocemente tubi e rubinetti che perdono, anche poco, visto che un rubinetto che gocciola può arrivare a perdere fino a 5 litri di acqua al giorno;
– Miglioriamo la “qualità dell’acqua di rubinetto” con un buon impianto di microfiltrazione o osmosi inversa.

PS:se volete approfondire l’argomento lasciate pure un messaggio qui sotto, o contatteci su info@acquaserviceblog.it.

Grazie..

linee-guida
Bere acqua in abbondanza

Lascia il tuo commento nello spazio qui sotto

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.